Connect with us

Community

A Voice In The Wilderness

Just when you thought you’ve seen it all, along comes underground picture-maker SJ Alice Bennett, who is shedding new light on the dark, moody, twisting karst passageways that form what explorer Jill Heinerth calls “the veins of Mother Earth.” If you’re ready for a new perspective on the ‘doing of cave diving,’ switch on your primary and dive right in.

Published

on

by Michael Menduno
Header photo by SJ Alice Bennett

Photo courtesy of Sam Bennett.

Thirty-four-year old Sarah-Jane “SJ” Alice Bennett is arguably an important new voice, in the niche-y, esoteric world of underwater cave photography. Based in Tulum, Mexico, her pictures—larger than life, moody, dark, spacious, filled with shadow, and shafts and shimmers of light, and replete with cave divers—evoke a deep emotional response in karst-inclined viewers akin to the feeling of being there. At the same time, they invite us to step outside of ourselves and register what we are seeing from a new perspective, “That’s what we look like?” One could say that she captures the ‘doing of cave diving,’ an approach born out of decades of her street aka lifestyle and event photography. Bennett, who was British-born and raised in Berlin, simply calls it “documenting the dive.”

The diminutive, blond, vegetarian cave diver, began documenting the world around her before she turned 10. That was the year her parents—her mom is a passionate photographer—bought her that first 35 mm point-and-shoot for her birthday. “I begged them for ages,” she explained. She has carried a camera with her ever since. Bennett learned to scuba dive two years later through her local dive shop in Berlin; however due to an instructor mix-up she never got her card. Nevertheless, it’s fair to say that these two events set her life in motion.

Photo courtesy of Joram Mennes.

Bennett completed a diploma in Graphic and Communication Design, and then went on to finish her Bachelor of Arts degree in Visual and Motion Design in 2011. Ready to say goodbye to school, she set off for Thailand for a month to finally get her diving certification. That cinched it. She moved to Thailand less than a year later.
Bennett plunged into diving and stepped up her training. She worked as a divemaster, and then became a recreational instructor but said that she didn’t really enjoy it. “I had way more fun just documenting people’s dives,” she explained. From there she got into technical and cave diving and interned at the local tech dive shop. All the while, she built up her freelance graphics art and photography business landing the prestigious global professional services firm Ernst & Young. 

Photo courtesy of Joram Mennes.

In 2015, flush with cash from a large annual events job, Bennett made a long-awaited trek to Mexico for a few months of cave diving and decided to move there. But not before her major client laid her off. She returned to Berlin for a year and a half, worked hard and saved up money for a new professional grade camera and housing. 

She finally moved to Mexico in 2017, where she met her partner Jon Kieren, who is a technical diving instructor, and continued to build her portfolio and her freelance business. This includes making pictures of instructors and visiting cave divers in the karst environment.

Photo courtesy of Jon Kieren

She hopes to be able to document expeditions and exploration projects as well as to add more brand or lifestyle photography into the mix, particularly for diving clients. Last December she did a shoot for Fathom Dive Systems; her pictures are being used on Fathom social media. Last month, one of Bennett’s pictures of two divers in the Blue Abyss section of Sistema Sac Atun was selected as Global Underwater Explorers (GUE) Photo of the Year for 2020.

We recently met up with the underground image-maker and asked her to explain her approach to cave photography and share some of her recent work. Here’s what the photographic phenom known as SJ had to say.

When people ask me, “How do you take those images?”, all I want to answer is, “I swim around and take a photo whenever I see something cool”. 

Simplistic as that sounds, it’s pretty much what I do. I suppose I could wax lyrical about light colors and temperatures, as well as shutter speeds and camera housings, but frankly, that’s enough to send even me to sleep. Besides, I don’t regard the technical aspect of photography as the critical element that enables me to connect with an audience, whether it’s fellow cave divers or people who have never seen a submerged cave. Since my photos are fundamentally all about establishing a connection with people and communicating my love of these amazing places to them, I think it’s more interesting—and relevant—to talk about how I capture the caves on camera. The technical aspect, while interesting to some, is simply the means to that end.

I have always been interested in photography, and like most photographers, I started shooting topside, where it’s comparatively easy to make use of whatever natural light exists, and to simply augment it. I didn’t start shooting underwater until I had garnered several years of topside experience. It was somewhat of a transition, although not immense because there’s still a little natural light to play with, and I had great fun using it as a backdrop for the gorgeous reef critters darting back and forth in front of my lens. 

My first foray into cave photography didn’t happen until 2015, some years after I started shooting in open water. I looked at hundreds of cave photos to identify and refine the aspects I both liked and disliked, and although I did manage to speak directly to a few cave photographers about their process, I spent a great deal more time looking at pictures trying to figure out how the images were created. Since I was using a borrowed camera rig and borrowed lights, it was perhaps inevitable that I had to listen to people around me telling me “this is how it’s done”. After mulling it all over, I distilled all the input I had received into one simple principle: “We swim and I press the shutter when I see ‘that special something’”. It worked for me the first time I took a professional camera rig into a cave, and it works for me to this day.

I chose a very familiar, shallow cave for my first cave dive with a professional camera set-up; that gave me the necessary time to not only adjust to swimming with a large rig but also, the opportunity to take photos in a few different parts of the cave. I also had a very familiar and experienced buddy, Tamara, with whom communication was fast and simple. 

Instead of doing the more traditional staged setups that I had been urged to do, I decided to just let her swim with a video light and shoot as we went along. Frankly, that decision was partly made for selfish reasons; I didn’t want to miss out on a “real” cave dive! I felt that it would be a waste of a dive and all the effort needed to carry heavy gear in the hot, sticky jungle just to hang out 10 minutes from the cave entrance to get that “perfect” shot. There was, however, also a more altruistic reason for my decision to eschew set-up shots and adopt a more improvisational approach. To my mind, the former approach would have run contrary to the way I perceived cave diving. Since photos have always been my preferred means of connecting with people and showing them what I see, I felt that capturing dynamic shots would be more authentic for me, so that’s how I ran my first ever cave shoot.

Looking at the images I captured on that first dive, I realize how even back then, I was more fascinated by the cave’s darkness and shadows than perfectly lighting its each and every corner.

That fascination has only intensified, and to this day, a characterizing feature of my pictures is that I use light to highlight the shadows, rather than erase them.

I want to showcase the caves how I perceive them to be: dark, mysterious, and moody places full of ancient beauty and history.

For me, the definition of a “good” photo is one that not only captures the beauty of darkness and shadows of this very alien world but also conveys the diver’s emotions as they literally glide back through geological time.

Painting the cave with shadows is all very well, but since the etymology of the word “photograph” means “drawing with light”, how do you capture darkness when photography only works by capturing light?

While having a dark and black soul definitely helps, I also—more or less—rely on the same techniques I learned ages ago when working as a topside documentary and event photographer. I say “more or less” because there are a lot of different factors that come into play when bringing a big camera rig into a pitch-black and very hostile environment. But certain aspects, like capturing natural scenes of people doing cool stuff (or also very boring stuff when stuck at an international tax symposium), remain constant. Spotting moments that are interesting and capturing people’s emotions and interaction with each other and the environment is the key to photos that we as the viewer can connect with.

This photo taken of Nelly and Roger Mikhaiel Williams at the Blue Abyss in Sistema Sac Atun was selected as the GUE Photo of the Year for 2020.

Apart from being proficient and safe as a diver, the most important factor of successful cave photography is using light to create “natural” scenes in a naturally dark environment.

I have learned to do this—and it’s an evolving learning process—mostly by experimenting with different approaches. Shooting on the fly, as I mostly do now, keeps images dynamic and makes it possible to capture random scenes you wouldn’t achieve with staged photos. Planning every aspect of a photo dive is, therefore, something I actively try to avoid. Of course, I stick to the normal rules of planning a cave dive, such as gas management and cave navigation; in fact, these serve as “markers” for dividing the dive into segments and organizing the dive in my mind. They also present the perfect opportunity to capture good “action shots” here and there. 

In some ways, one can draw parallels between a cave shoot and a wedding shoot. When photographing a wedding, there are always key landmark events: the exchanging of rings between the bridal couple, their first kiss, and their walk back down the aisle as a married couple. As the photographer, you can’t help but capture those defining moments of the ceremony. But you also have to be flexible and adapt when a perfect scene suddenly changes, like an over-exuberant Auntie Esmeralda blocking the view as she jumps up and down with joy. Awareness of what is happening around you at all times is key.

A finely-honed sense of situational awareness is not only instrumental in getting a good shot but in a cave, it also keeps you alive.

Before a commercial shoot, I always brief models on the use of their hand-held video lights. Of course, you can’t expect people that have never before handled a video light to be perfect at this. The same applies to the lighting assistants with which I work. Even though I have trained them to work with lights to achieve the effects that I want, it is impossible for them to really know what exactly is happening, and what I’m seeing behind the camera. It is definitely a much harder job than pressing a shutter. As the photographer, it’s part of my job to adapt to the scenes they create. I love this aspect of teamwork and am so very grateful for the continued support that makes the photos I take possible.

I believe the interplay between models and lighting assistants working imperfectly together helps generate the most authentic images of a cave dive. For me, the most truthful images depict a well-oiled team working together that experience moments of randomness and have to decide in a split second how to react.

This style of shooting makes it possible to dive with people that have never modeled and worked with lighting before, in caves that you’ve never seen previously, and still achieve amazing results. 

This way of shooting has also allowed me to show a part of cave diving that is often overlooked as a photography subject; training. I can work with a lighting assistant to capture training scenarios in real-time as they play out without interacting with the students or instructors. I’m hoping that these images can show the lighter “behind the scenes” perspective of what cave training is like, making it a bit less daunting of an undertaking for those who might be interested. And it might also be interesting to look back at these photos in years to come to see how cave training has changed and evolved. (And laugh at the old school dry suits we used to wear.)

In the end, I still feel like I’m just swimming around, I see cool stuff, and I press the shutter to freeze time in a frame. Which is what I love doing most in this world. 

You Can Find More of SJ Here:

www.facebook.com/SJAliceBennett
www.instagram.com/sj.alice.bennett
www.sjalicebennett.com


Michael Menduno is InDepth’s editor-in-chief and an award-winning reporter and technologist who has written about diving and diving technology for 30 years. He coined the term “technical diving.” His magazine aquaCORPS: The Journal for Technical Diving (1990-1996), helped usher tech diving into mainstream sports diving. He also produced the first Tek, EUROTek, and ASIATek conferences, and organized Rebreather Forums 1.0 and 2.0. Michael received the OZTEKMedia Excellence Award in 2011, the EUROTek Lifetime Achievement Award in 2012, and the TEKDive USA Media Award in 2018. In addition to his responsibilities at InDepth, Menduno is a contributing editor for DAN Europe’s Alert Diver magazine, and X-Ray Magazine.

Community

LA VITA DI UN’ISTRUTTRICE SUBACQUEA ITALIANA AI TEMPI DEL CORONA

L’Italia è stato uno dei primi paesi in Europa ad essere colpito dalla pandemia del Covid19.
Abbiamo chiesto all’istruttrice subacquea Cristina Condemi di Reggio Calabria, di condividere
la sua esperienza di subacquea in quarantena. Cosa deve fare un sub?

Published

on

By

Read in English

di Cristina Condemi

Foto di Dario Condemi.

Tempo pessimo questo per parlare di sogni, di bellezza e di Mare? E che dire di quel regno che è la subacquea, un termine che apre un ampio range di significati per tutti coloro che la praticano? È impossibile riuscire ad allontanare la mente da questa pandemia e l’aumento del bilancio dei morti come la nostra inevitabile paura e il nostro buon senso, ci ricordano che dobbiamo stare a casa.

Tuttavia, un po’ alla volta, siamo riusciti a ritagliarci qualche ora nelle nostre ormai assurde giornate, per rintanarci ognuno nel proprio universo di passioni – che siano esse legate al mondo sommerso o alla terra sopra il livello del mare. Sognare è buon modo per affrontare questa situazione, un paradiso sicuro in un momento di così tale insicurezza. Allora proviamoci e sogniamo: è una delle poche cose che ci è ancora concessa e se lo facciamo non corriamo il rischio di sembrare superficiali o menefreghisti circa il Covid19 e tutto quello che sta succedendo.

Proviamoci allora e sognano nel miglior modo possibile e in qualunque momento, anche in questo preciso istante: io scrivendo le mie impressioni, le emozioni e i sogni di una subacquea italiana in quarantena nel suo appartamento di una città del sud Italia e voi leggendo queste mie parole. Ricordandoci sempre che le tempeste passano e allora potremo tornare a navigare, a tuffarci nel nostro Mare.

Lo Stretto di Messina è conosciuto per la Paramuricea clavata bicolore (Risso, 1826). Foto di Santi Cassisi.

Al momento in Italia, come in molti altri Paesi del mondo, le nostre giornate sono dettate da notizie di quanto il diffondersi del virus sia in crescita o in decrescita. Ore scandite dal trovare cosa fare chiusi nelle quattro mura di casa per non pensare troppo alla tragedia che il mondo intero sta attraversando. Soprattutto qui in Italia. Soprattutto al nord del Paese, l’aerea che si trova al lato opposto dello stivale rispetto a dove mi trovo io, ma che non ho mai sentito così vicina come adesso. Siamo sempre in attesa di un bollettino che arriva ogni giorno, sperando sempre che il picco sia passato e che finalmente arrivi il momento in cui lentamente usciamo da quella che alcuni definiscono una “guerra”. Ma che guerra non è, non ci sarà un armistizio. Non basterà la volontà di deporre le armi affinchè tutto questo abbia una fine. E allora riponiamo tutte le speranze nel fare ciò che ci ripete l’ormai famoso slogan sdoganato da tutti: dobbiamo stare a casa.

Fronteggiare l’attacco del Covid-19 

Le nostre vite sono state totalmente stravolte ormai dai primi di Marzo, almeno qui al sud Italia. Le aree più colpite come la Lombardia, soffrono anche da prima. All’inizio non ci credevamo fino in fondo, molti pensavano si trattasse di qualcosa che fosse poco più di una semplice influenza mentre coloro i quali davano un peso maggiore alla faccenda, erano considerate allarmisti. E allora questo virus si è mostrato presto per quello che realmente è, scatenando una pandemia e costringendo tutti – nessuno escluso – a una quarantena inaspettata. Da quel momento, valori un tempo altamente considerati come potere e bellezza, non avevano più nessun peso. Ci siamo resi conto che non esistono confini, non esistono barriere che possano bloccare questa avanzata. Il virus potrebbe colpire chiunque, e nessuna somma di denaro né nessuna dogana possono fermare questa avanzata.

E noi come vediamo il Coronavirus? Qui in Italia ci fa paura, ormai a tutti. La sanità pubblica ha subito molti tagli negli anni e ciò che più ci inquieta è il non avere la possibilità e il diritto di essere curati tutti, se dovessero aumentare i contagi. Le sale di terapia intensiva in alcune aree sono totalmente sature, medici e infermieri che si trovano in prima linea fanno turni estenuanti, manca il personale, mancano i dispositivi di protezione. Non eravamo davvero pronti per affrontare una pandemia, ma speriamo che questa impreparazione possa in qualche modo servire da lezione.

Oggigiorno scene come questa sembrano quasi innaturali. Foto di Maurizio Marzolla.

Ci sono varie teorie su come tutto sia cominciato: quelli che potremmo definire “complottisti”, pensano si tratti di un virus creato inizialmente in laboratori militari e che poi sia sfuggito al loro controllo. I più ecologisti, indignati con ciò che stiamo facendo al nostro pianeta, pensano che la Natura si stia ribellando e che cerchi una vendetta verso il genere umano come risposta per tutto lo stress e la sofferenza alla quale l’abbiamo costretta. Similmente, qualcuno sostiene che tali epidemie, prodotto dell’urbanizzazione sfrenata e globale, siano il risultato di un regime alimentare sbagliato. Questi ultimi individuano le cause del Covid-19 nel consumo di carne – in questo caso di maiale – proveniente da allevamenti intensivi. Dal loro punto di vista, dovremmo seguire uno stile di vita più salutare e smettere di pensare ad un ritorno alla “normalità”, perché è proprio quella normalità che avevamo prima che ci ha portato fin qui. E infine ci sono coloro i quali, ricordando epidemie passate con cui l’umanità si è già trovata faccia a faccia, credono che ci sia una sorta di inevitabile ciclicità. 

A prescindere da tutte le differenti opinioni sulla causa di questa pandemia, dobbiamo ammettere che una tragedia di tale portata è una triste novità per noi, qualcosa di inaspettato e mostruosamente enorme. E come tutti, anche io mi ritrovo a farci i conti, soprattutto in quanto appartenente a quella generazione che qui in Italia affronta non poche difficoltà, ma che mai ha vissuto una vera guerra, mai una vera carestia, figurarsi una pandemia mondiale. Forse è il male del nostro tempo e come tutti i mali, mi dico, prima o poi passerà. Speriamo almeno che ci stia insegnando qualcosa.

Il Belpaese

La bellezza dell’Italia e tutto ciò che contiene. Foto di
Giovanni Cotroneo.

Il nostro era quello che chiamavamo “il Belpaese”, ma che di bello adesso ha ben poco. Certo, restano pur sempre intatte le nostre magnifiche architetture, la nostra arte, la nostra storia e le nostre bellezze naturali e paesaggistiche, connesse anche con quel clima favorevole di cui godiamo. Ma che senso ha tutto questo per noi esseri umani, se non possiamo esserne fruitori? Che senso ha avere i musei ricchi di collezioni fondamentali da un punto di vista storico-culturale, se non possiamo più visitarli?

Non sto di certo pensando che sia giusta la loro riapertura in questo momento, ma penso che tutto questo patrimonio abbia come perso momentaneamente il proprio valore. In modo abbastanza romantico, immagino quadri impolverati, pitture di Caravaggio dove quella luce particolare che li connotava adesso si sia come spenta: opere d’arte “tristi” per non poter mostrare la loro bellezza a occhi in grado di saperla cogliere.

In modo abbastanza romantico, immagino quadri impolverati, pitture di Caravaggio dove quella luce particolare che li connotava adesso si sia come spenta: opere d’arte “tristi” per non poter mostrare la loro bellezza a occhi in grado di saperla cogliere.

Penso anche a uno dei pochissimi aspetti positivi di tutta questa assurda situazione: il Pianeta che sta riprendendo fiato, che si sta un po’ rimettendo in forma da quell’impatto devastante che negli ultimi decenni l’uomo ha avuto su di esso. Notizia che non può non far piacere, soprattutto a chi ama la Natura sopra e sotto il livello del mare. E anche se non è una grande consolazione visto il dramma che stiamo attraversando, speriamo almeno possa essere un punto di partenza per una seria riflessione su come cambiare il nostro ormai devastante stile di vita.

Un momento di crescita sopra e sotto la superficie. Foto di Luciano Forti.

Anche se usciremo distrutti, devastati o totalmente incolumi da questa tragedia, le nubi sotto le quali adesso viviamo, verranno prima o poi spazzate via. E quel giorno torneremo a rispolverare quei quadri, riempire i nostri sguardi di bellezze artistiche e naturali, godere di ogni raggio di sole all’aria aperta. 

Nel nostro caso, torneremo ad ammirare le meraviglie del mondo sommerso, sperando che sarà un’esperienza ancora più emozionante dopo questa brutta pausa. Per adesso quello che possiamo fare è aspettare. Non come dei patriottici soldati ubbidienti ai quali un governo ha ordinato una quarantena attraverso dei decreti, ma come dei cittadini solidali e consapevoli che l’isolamento aiuta noi e salva anche gli altri. 

La condivisione di ciò che siamo

Affrontando queste lunghe giornate in casa, abbiamo corso il rischio di farci risucchiare dal vortice di una paura psicotica o dalla tristezza di sentirci dei prigionieri impotenti. Per sfuggire a questo senso di isolamento, alcuni hanno portato avanti atti di solidarietà: dalla “spesa sospesa” lasciata pagata al supermercato per chi fatica ad arrivare a fine mese, a chi ha cucito le mascherine – che in questi giorni sono introvabili – e le ha consegnate a chi ne ha bisogno.

E poi in molti abbiamo trovato la forza di andare avanti grazie alle nostre passioni, ci siamo fatti coraggio, pensando anche che avremo avuto molto tempo libero per dedicarci a quello che non eravamo riusciti a fare durante la nostra occupata e “normale routine”. Eccoci allora a cercare di continuare a seguire i nostri intressi, senza però poter varcare la soglia di casa. Perché le cose che possiamo fare adesso al di fuori dei nostri nidi domestici sono solo quelle ritenute strettamente necessarie. Niente passeggiate, neanche se da soli. E purtroppo, giustamente, niente Mare.

Inizialmente è stato particolarmente difficile: abbiamo provato come un senso di spaesamento, di privazione di tutto ciò che conta davvero. Forse legato al fatto di non esserci ancora totalmente resi conto della portata di questa tragedia, ci siamo trovati a pensare solo a quanto fosse ingiusto non poter andare avanti con la nostra vita, non poter vedere i nostri affetti, non poter amare, baciare, abbracciare. Gesti del genere adesso sono diventati delle armi.

Un momento per riflettere e concentrarci sulle gioie nascoste della vita. Foto di Federica Siena

Ci siamo ritrovati improvvisamente soli con noi stessi, bloccati in questo universo asociale, che almeno per me è del tutto nuovo. Perché la vita è condivisione, proprio come la subacquea. Fare un’immersione che cosa vuol dire in fondo se non condividere una magia? Certo, alcune didattiche ci insegnano che avere un compagno è una maggiore sicurezza, e io su questo mi trovo molto d’accordo (anche se può non valere per qualche tipo di immersione più “estrema”). Ma non mi riferisco tanto a questo.

Quello che intendo è la necessità che sentiamo di condividere questa esperienza con gli altri, con tutte le sue emozioni e le sue avventure. Anche chi è abituato a fare immersione in solitaria, in realtà ha comunque un team di supporto e si trova sempre a raccontare le sue esperienze ad amici subacquei, facendo conferenze, scrivendo libri, articoli o post, per fare partecipi gli altri delle sue scoperte. Ad ogni modo, anche in questo caso la condivisione è una parte importantissima di quell’esperienza vissuta apparentemente in solitudine.

Per quanto mi riguarda invece, sono una a cui piace immergersi con gli altri. Ogni qualvolta mi capita di vedere qualcosa in lontananza e indicarlo, la gioia è come dimezzata se mi accorgo di essere stata l’unica ad aver fatto quell’avvistamento. Quando incontri qualcosa di magnifico sott’acqua, quella bellezza è sempre rafforzata dal fatto che i tuoi occhi hanno condiviso quel momento con quelli del tuo compagno. È la tua felicità amplificata da quella dell’altro. E in fin dei conti, questo è per me andare sott’acqua: una condivisione.

Quando incontri qualcosa di magnifico sott’acqua, quella bellezza è sempre rafforzata dal fatto che i tuoi occhi hanno condiviso quel momento con quelli del tuo compagno. È la tua felicità amplificata da quella dell’altro. E in fin dei conti, questo è per me andare sott’acqua: una condivisione

Corallo Nero. Foto di Santi Cassisi

Il potere speciale di noi subacquei

Ricordo ancora l’unica volta che scesi da sola a 42-43 metri circa. Era in programma un’immersione con altri tre subacquei sulla Secca della ‘Mpaddata, a Scilla, un paese a circa venti minuti di macchina da Reggio Calabria, la mia città natale. Non mi offendo se non l’avete mai sentita nominare. Quando vivevo in Galles (UK) e qualcuno mi chiedeva da dove venissi, erano molti quelli che non avevano la benché minima idea di dove fosse Reggio. E allora io cedevo a quell’unico modo che funzionava sempre: “l’italia è uno stivale, giusto? Io vengo da the toe of the boot”. E vi dico anche che la mia città, lo stretto di Messina e in particolar modo Scilla, sono il mio paradiso subacqueo.

Bene, nel giorno di quella immersione ci trovavamo a largo proprio di Scilla. Eravamo in gommone, stavamo navigando verso il sito di immersione e in quel momento mi capitò di pensare, come a volte accade, che quella non era giornata. Anche se non sapevo il perché, apparentemente non c’era un vero motivo. Arrivati sul punto prefissato, buttammo giù l’ancora e cominciammo a prepararci. Mentre mi vestivo e indossavo l’attrezzatura, mi accorsi di non avere il mio computer e allora a quel punto decisi che quello era per me il momento di abortire l’immersione. Sapevo che non avrei dato noia a nessuno, conoscevo i miei compagni, non mi avrebbero forzata né mi avrebbero fatto sentire alcuna pressione. Perché quello che mi hanno insegnato, che hanno pensato loro in quel momento – ne sono certa – e che ho pensato anch’io, è che un bravo subacqueo è anche quello che sa dire di no. Gli altri scesero, io rimasi in gommone con chi ci faceva da supporto barca quel giorno e tutto andò per il verso giusto.

Una volta terminata l’immersione, il gommonauta cominciò a tirare su l’ancora, ma si era incagliata. Dopo diversi minuti e diversi tentativi falliti, pensammo che qualcuno doveva scendere a disincagliarla o, meglio, avremmo potuto più saggiamente legare un gavitello alla cima per ritornare più tardi e fare qualche altro tentativo. Ma visto che io non ero scesa, non avendo azoto residuo in corpo e quella riluttanza ad immergermi era sparita, mi offrì volontaria. Indossai la mia attrezzatura ed entrai in acqua. Dopo un ultimo sguardo ai compagni in barca, scaricai il GAV, svuotai i miei polmoni e scesi lungo la cima.

Buoni compagni d’immersione e veri amici. Foto per gentile concessione di Cristina Condemi.

Arrivata sul fondo, vidi l’ancora incastrata dietro uno sperone di roccia. Provai a tirare un po’ di cima verso il basso per allentare la tensione e cercare di smuovere l’ancora. Mentre ero intenta a fare questa operazione mi capitò una cosa che spesso succede a noi subacquei. Forse non a tutti e non sempre, ma abituati a comunicare in un modo alternativo quando siamo immersi in un liquido dove le parole diventano inutili e incomprensibili, è come se fossimo capaci di amplificare le nostre percezioni. È come se avessimo un dono, la capacità di percepire delle cose, delle energie, delle presenze intorno a noi.

Vi giuro che non sto diventando matta. Non vi è mai successo? Avere la sensazione che alle vostre spalle ci sia qualcosa, voltarvi improvvisamente e trovarvi faccia a faccia con una meravigliosa creatura? Ho avuto modo di parlare di questa idea con persone che non mi hanno preso per una squinternata, anzi, si sono trovati d’accordo con me. E mi piace pensare che sia proprio un “potere speciale” che noi subacquei possediamo, una magia tutta nostra.

Tornando al momento dell’ancora, mi capitò esattamente quella sensazione, una presenza dietro di me, così mi fermai un attimo pur essendo parecchio indaffarata e mi girai. E cosa vidi? In quel preciso momento un’aquila di mare si stava dirigendo verso di me, forse incuriosita dalla mia presenza e dai miei movimenti sicuramente ai suoi occhi a dir poco buffi. Mi venne molto vicina, io provai a stare immobile e trattenni il respiro per evitare di spaventarla.

Un’aquila di mare come quella che volò sopra di me. Foto di Santi Cassisi.

Fu come se mi stesse puntando, ma lentamente. “Sorvolò” sopra di me, ad un palmo dalla testa e la seguì con lo sguardo. Fu un momento magico, grazie proprio a quelle sensazioni uniche che riusciamo ad avere noi subacquei – o alla pura e meno magica casualità, lascio a voi la scelta. Ma in quello stesso istante ho pensato a quanto avrei voluto che ci fosse stato qualcuno con me. Vedere la mia gioia rispecchiata negli occhi del mio compagno, in quelle grandi sfere blu spalancate che sorridono dietro la sua frameless, avrebbero reso questo momento ancora più memorabile.

Siamo animali sociali

E insomma, così è la vita: noi esseri umani forse necessitiamo di momenti di solitudine, di introspezione, di riflessione intima con noi stessi, ma siamo in fin dei conti degli “animali sociali” che hanno bisogno di condividere le proprie esperienze con gli altri. E in questo periodo ce ne stiamo rendendo conto più che mai. Ne è prova il fatto che, figli del nostro tempo, costretti in quarantena passiamo molte ore al telefono, chiamando, scrivendo o videochiamando amici cari e quelli che non sentivamo da un po’. Viviamo molto il mondo dei social – parola non a caso – con le continue dirette di qualsiasi genere e tema.

Nel nostro caso, seguiamo apneisti e subacquei che raccontano di record e di scoperte. Usiamo applicazioni per parlare in videoconferenza di immersioni in grotta, di fotografia subacquea, o più in generale del Mare e delle emozioni che ci regala. Anche per chi non era così avvezzo al mondo di internet, ha ceduto, perché questo è il solo modo che abbiamo adesso per condividere. Ora più che mai, abbiamo bisogno degli altri, di incontrarci e non potendolo fare fisicamente, ci accontentiamo di quello che ci regala il farlo virtualmente attraverso uno schermo.

Qualcosa per cui sperare. Foto di Giovanni Cotroneo.

Inevitabilmente ci troviamo a parlare anche del virus e di come siamo arrivati a tutto questo. E riflettiamo anche su come sarà la fase successiva, quando si tenterà di riportare le nostre vite ad una “normalità”, per quanto ancora dovremo vivere con la paura di infettarci e infettare, ma anche speranzosi di qualche cambiamento positivo nelle nostre abitudini. 

Il pensare al dopo però, pur essendo anche questa in qualche modo una grossa preoccupazione, è una cosa positiva e può voler dire che ne stiamo venendo fuori. Viviamo anche dei momenti di solitudine e di introspezione nei quali facciamo un po’ il punto della situazione con noi stessi e ci chiediamo cosa ci manca davvero: i nostri amori, il lavoro e tutte quelle attività che siamo soliti svolgere con gli altri. Ma visto che questa è una rivista subacquea, sono certa che voi lettori capirete benissimo quando menziono quanto mi manca il Mare. 

Che sia voglia di tuffarsi ai tropici, nel mio amato Mediterraneo, negli Oceani o nei laghi. A noi subacquei manca tanto quel mondo sommerso. Ma sappiamo anche che ci sta aspettando e che ritroveremo prima o poi il nostro mare, così blu, bello e forte come sempre. Con una differenze: la piena consapevolezza che adesso dobbiamo proteggerlo con tutte le nostre forze.

A noi subacquei manca tanto quel mondo sommerso. Ma sappiamo anche che ci sta aspettando e che ritroveremo prima o poi il nostro mare, così blu, bello e forte come sempre. Con una differenze: la piena consapevolezza che adesso dobbiamo proteggerlo con tutte le nostre forze.


Cristina Condemi è un’istruttrice subacquea RAID ed un membro dello Scilla Diving Center. È nata a Reggio Calabria e il mare dello Stretto di Messina è sempre stato il suo ambiente naturale. Laureata al DAMS (Discipline dell’Arte, delle Musica e dello Spettacolo) dell’Università di Bologna, ha vissuto in Spagna e in Galles. Guida subacquea nel mare di Scilla dal 2014, accompagna subacquei di ogni livello alla scoperta di questi straordinari fondali e delle creature che li abitano, con un particolare riguardo per il rispetto di questo fragile ecosistema: un’attenzione che cerca di trasmettere anche ai suoi allievi. Ecologista, vegana e animalista, pratica immersioni tecniche dal 2018, scrivendo in rete il racconto delle sue esperienze come subacquea.

Continue Reading

Subscribe

Submerge yourself in our content by signing up for our monthly newsletters. Stay up to date and on top of your diving.

Thank You to Our Sponsors

Education